Skip to content

IMGOSPEL.COM

Imgospel

Water quanto lontano dalla colonna di scarico


  1. Bagni wc. Tubazioni di scarico dei singoli apparecchi sanitari. Caratteristiche: come fare - 22
  2. Come spostare gli scarichi di bagno e cucina
  3. Come ricavare un secondo bagno? Guida completa! (VIDEO)
  4. Rifare il bagno, ma è possibile spostare il wc?

In generale, la distanza massima del wc dallo. Disporre di un bagno lontano dagli scarichi e quindi in una zona della senza rinunciare all'estetica e senza vincoli dettati dall'adozione di sanitari e le convoglia fino alla colonna di scarico attraverso una tubazione di. Posizionare un water lontano dalla colonna di scarico significa dover assicurare alle tubazioni orizzontali la necessaria pendenza. Spesso. Forum Edilizio: Eccoci di nuovo qui a imprecare per spostare un bagno lontando dalla colonna di scarico lo so che ci sono molti post al riguardo, Se puoi passare nel massetto non possiamo dirtelo in quanto non sappiamo. imgospel.com › progetto › spostare-gli-scarichi-tutte-le-cose-.

Nome: water quanto lontano dalla colonna di scarico
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 41.39 MB

Scarichi dei bagni WC. Colonne montanti e derivazioni. Tubi in PVC. Ristrutturazioni vecchi edifici:come fare Come realizzare gli scarichi dei bagni WC negli edifici, ed in particolare nelle ristrutturazioni di vecchi fabbricati?

Molti si saranno posti questa domanda, non conoscendo le problematiche che queste opere comportano, specie nelle ristrutturazioni. Non sempre è accettabile per motivi statici ed estetici. Si adotta allora la soluzione del vaso con scarico a parete. Nelle fotografie sotto, potete notare la difficoltà che è sorta nel piazzare sia la colonna montante che le derivazioni.

Comunque queste indicazioni sono tutte contenute nella scheda tecnica, appunto. Di sanitrit ce ne sono diversi tipi ma sono divisibili in due macro-categorie: quelli "tradizionali" che vanno dietro al vaso e rimangono a vista, e quelli che vanno ad incasso in una nicchia poco profonda circa 12cm e che quindi risultano a scomparsa totale.

Ovviamente, questi ultimi sono i prediletti dai progettisti perché consentono di realizzare un bagno con un estetica identica a quella di un bagno tradizionale, ma comunque il fatto di avere il sanitrit dietro al vaso costringe a spostare il vaso in avanti e questo potrebbe essere limitativo in bagni di piccole dimensioni. Il sanitrit da incasso non necessariamente deve stare dietro al wc, ma è bene che non ne stia molto distante.

Se i due wc fossero scaricati contemporaneamente il sanitrit potrebbe andare in crisi non riuscendo a smaltire tutto il liquame in arrivo. Ebbene, la questione è controversa.

Alcuni modelli di sanitrit hanno una vera e propria presa d'aria, poiché nel momento in cui evacqua l'acqua contenuta nel vano del sanitrit, deve essere immessa aria all'interno del volume altrimenti si crea un vuoto che la piccola pompa non è in grado di gestire: quindi da qualche parte quest'aria deve entrare.

Se siete comunque dell'idea di evitare il più possibile di dover installare un sanitrit, considerate che lo scarico che crea maggiori problemi generalmente è quello del wc, perché, se "naturale", deve avere un diametro molto elevato del tubo minimo sindacale 90mm, ma è considerato il diametro minimo per evitare ingorghi e problemi vari e deve avere minori gomiti "curve" possibili fino all'imbraga.

Dato che gli altri sanitari di un bagno hanno minori necessità di diametro anche 32mm ma è sempre meglio usare almeno il 40mm e diciamo minori problemi in caso di curve, potreste anche ipotizzare di realizzare un bagno, non molto distante dalla colonna, e quindi mettere sotto sanitrit il solo wc, mentre gli altri sanitari evacuarli mediante una rete tradizionale, magari sfruttando il più possibile tratti in parete.

Tuttavia il fatto che anche gli altri sanitari scarichino nel sanitrit aiuta al "lavaggio" dell'apparecchio, ma almeno in caso di malfunzionamento del trituratore, il bagno sarebbe utilizzabile, ovviamente tranne il vaso.

Bagni wc. Tubazioni di scarico dei singoli apparecchi sanitari. Caratteristiche: come fare - 22

Anzi si potrebbe dire che un bagno con sanitrit ma anche senza sanitrit sarebbe bene impermeabilizzarlo tutto. Come si impermeabilizza un bagno? Uno dei materiali che più si presta a questa applicazione secondo me è il Mapelastic della mapei o il nanoflex della Kerakoll, una sorta di malta a ridottissimo spessore che, una volta indurita, diventa una vera e propria pellicola impermeabile e, essendo di fatto una malta, è un buon sottofondo per la posa delle mattonelle.

Tuttavia non è un obbligo: come dicevo, dal sanitrit in condizioni d'uso normali non deve uscire una goccia d'acqua. Una volta ho realizzato un impianto con sanitrit un po particolare, in cui il cliente desiderava una macchina più potente di quella del modello da incasso: parallelamente nessuno voleva che questa macchina fosse a vista, quindi ho fatto realizzare, nella limitrofa cabina armadio, un vano in muratura completamente impermeabilizzato in cui è stato poggiato il sanitrit.

Con la falegnameria della cabina armadio ho poi provveduto a nascondere opportunamente il tutto. Occorre prestare attenzione alla corretta posa delle fasce serratubo e degli accessori specifici da impiegarsi per questo innesto.

Come spostare gli scarichi di bagno e cucina

Secondo me, comunque, la migliore tecnica con cui realizzare il condotto di scarico del sanitrit è con le tubazioni a saldare: o a caldo, o a colla.

Esistono, infine, norme specifiche sulle distanze che i loro terminali devono avere dalle aperture più prossime, ma che qui non interessano rispetto al tema trattato.

Un fenomeno fisico Il fenomeno del gorgoglio dei sifoni e del ritorno degli odori dagli scarichi fognari, che, per normali prassi esecutiva, con un collettore orizzontale di raccolta confluiscono, poi, nella colonna verticale, è di intuitiva comprensione.

In tal modo si genera una depressione retrostante che richiama aria dalle tubazioni collegate. Prima di tutto ci si dovrà assicurare della necessità di tutti i sanitari.

Ad esempio, se abbiamo una vasca che occupa molto spazio si potrà decidere di rinunciare a questa per due docce o a una doccia vasca. Problemi tecnici relativi al secondo bagno: le tubature Ricavare un secondo bagno prevede anche la risoluzione di problemi tecnici che potranno venirsi a creare.

Come ricavare un secondo bagno? Guida completa! (VIDEO)

Si sa, i sanitari funzionano con questa, per questo è molto importante assicurarsi di poter inserire degli scarichi a norma sia di adduzione che di scarico. Vi dovrà essere la presenza della tubazione detta fecale. Per cui è necessario fare una valutazione circa la posizione della fecale a cui allacciarvi. Il secondo bagno per poter essere correttamente installato, dovrà prevedere dei tubi che passeranno attraverso le stanze, per cui si valuterà anche il percorso che questo dovrà compiere, se sarà breve o più lungo e in base a questo ricercare la posizione esatta e conveniente per procedere alla realizzazione.

Quali pratiche edilizie sono necessarie per il secondo bagno? A meno che sul vostro immobile non vi siano vincoli speciali relativi agli interventi edilizi, si potrà sempre decidere di ricavare un secondo bagno da mettere in casa, previo rispetto delle leggi su esplicate.

Si tratta di un intervento atto a documentare lo spostamento dei muri o il rifacimento di impianti, utili anche per il secondo bagno.

Questa pratica non supera i duecento euro.

Questi dovranno essere versati direttamente al Comune come diritti di segreteria. Una volta presentata sarà possibile iniziare i lavori di ristrutturazione in piena regola.

Rifare il bagno, ma è possibile spostare il wc?

La SCA invece, che certifica una segnalazione certificata di agibilità riguarda la sussistenza delle condizioni di sicurezza, salubrità, igiene e risparmio energetico degli edifici rispetto agli impianti che verranno installati che siano conformi al progetto presentato. La SCA si presenta entro quindici giorni dalla fine dei lavori e i costi sono relativi ai diritti di segreteria. Alcune idee per il secondo bagno Ricavare il secondo bagno è possibile, come abbiamo potuto vedere.